Gli equivoci dell’anima


joyce

Quando un’anima nasce, le vengono gettate delle reti per impedire che fugga. Tu mi parli di religione, lingua e nazionalità: io cercherò di fuggire da quelle reti. — J. Joyce

Annunci

Il suonatore Jones


Il Vecchio Matusalemme era un pianista jazz della Vecchia America
che tutti chiamavano Tootsie,
– anche a lui toccò suonare per tutta la vita
con un sigaro biascicato tra le labbra –
E poi un buco nella testa
e nemmeno un pianto.

ilsuonatore

Il tramonto dell’Occidente


Letture

galimba

 

Il tramonto dell’Occidente di Umberto Galimberti, UE Feltrinelli – Il farsi di una direzione di pensiero, espresso dalla cultura occidentale, che avverte dentro di sé qualcosa che la corrompe e la esaurisce. L’inesorabile erosione dello sfondo umanistico come suo tratto specifico fin dalla sua nascita, e dell’affidamento nel progressivo esercizio del dominio che ordina le cose degli uomini un funzione del valori che essa propone e da parte dell’uomo sugli enti di natura, oggi divenuti materiali della Tecnica. Un orientarsi sui temi globali del nostro tempo la cui comprensione non può essere affidata alla logica della causa e dell’effetto, ma richiama alla radice il modo occidentale di pensare, alle modalità della nostra antropologia.
Radicale e fondamentale.

Dico dove


Nuoro-chiesa-del-rosario_Fotor

Quando nacqui (e io lo nacqui, cit.) vennero i sacerdoti da tutti gli universi e mi cantarono all’orecchio la triste canzone del Non Tornare. Poi il mio angelo mi confortò nella Polverosa Sofferenza, mia madre sorrideva e mio padre mio padre era bruno, mio fratello, sì, mio fratello seduto per terra mentre ascoltavo l’Eterno Ritorno che rotolava vuoto e indifferente.

[Qualcuno mi chiese da dove venivo, Nuoro, chiesa del Rosario, 2017]

La storia e noi


libri e la

C’è storia e storia, d’accordo. Poi ci sono le storie e c’è la Storia.
Non c’è contraddizione. La storia siamo noi, dice il poeta.
Non voglio parlarne con leggerezza
e scherzare e trovarmi poi a rimuginare sui miei peccati.
La storia si scrive con i verbi (tutti) al passato remoto, dicono.
Ma è non c’è ragione di vivere questo Eterno Presente
in attesa del tremendo assassinio da perpetrare ai tuoi nipoti.
Quando lavori lungo quella ferrovia,
devi sapere ciò che sta dicendo quel vecchio. 

La giornata era poca


selfie

Effetto flow, 1971 – Dicembre, il giorno lo ignoro

In un  sogno pomeridiano vidi il mio amico strano, riflesso nello specchio. Nè questo né quello vuol dire qualcosa. Nessuna concezione arbitraria. Non avevi bisogno di concetti arbitrari. Ne hai bisogno adesso, -dici di averne bisogno. Io dico, tu dici, perché dovresti averne bisogno adesso? Perché adesso. Si spinse oltre e non si voltò mai più.